Stop coming to my house

Yahoo! accusa Facebook: ecco i brevetti contesi

In Facebook, Yahoo! on 14 marzo 2012 at 12:30

Secondo l’azienda di Sunnubale, il successo del social network è dovuto allo sfruttamento, senza licenza, di suoi brevetti. L’ultima noia per Zuckerberg, alla vigilia dell’ingresso in borsa.

Facebook e i suoi oltre 800 milioni di utenti. Il gioiellino di Mark Zuckerberg sarebbe diventato il gigante che è oggi anche grazie a Yahoo!. Come? Sfruttando i suoi brevetti. È quanto sostiene Yahoo! stesso, secondo cui tutto l’architettura di Facebook si fonderebbe sulle proprie tecnologie di social networking, già brevettate e violate da Zuckerberg. E non si tratta di rumors: Yahoo! avrebbe già depositato il ricorsoper violazione di 10 dei propri brevetti presso l’U.S. District Court di San Jose, in California.

E adesso l’azienda di servizi Internet chiede a Facebook non solo il risarcimento economico per lo sfruttamento non accordato della propria proprietà intellettuale, ma anche che il social network rinunci a utilizzare i brevetti stessi, stando a quanto riporta AllThingsDigital. Tutto in un tempismo quasi perfetto, alla vigilia proprio dell’ ingresso in borsa di Facebook. In attesa di sapere come si evolverà la questione, Facebook ha già fatto sapere, come riporta Cnet, che si difenderà con forza “contro queste sconcertanti azioni”. I brevetti contestati da Yahoo! riguardano gran parte dello scheletro del social network, dagli annunci pubblicitari ai news feed, ai sistemi di controllo della privacy. Ecco cosa reclamano, come ricordato da ZDNet.

I sistemi pubblicitari ( U.S. Patent No. 6,907,566U.S. Patent No. 7,100,111 e U.S. Patent No. 7,373,599)
Si tratta di brevetti che riguardano il posizionamento e la comparsa di oggetti grafici legati ad annunci pubblicitari su una pagina web. Secondo Yahoo!, i sistemi utilizzati da Facebook per la presentazione dei propri annunci, sulla parte destra della propria pagina, sarebbero liberamente ispirati a questi, come per esempio il fatto di poter cambiare, adattandosi alle preferenze espresse da un utente.

Interazioni social ( U.S. Patent No. 7,668,861)
Il brevetto riguarda le azioni di un utente all’interno di una rete. Si tratterebbe di un sistema per attribuire una sorta di punteggio al tipo di interazione che un utente realizza, utilizzata poi per stabilire la validità dell’interazione stessa. Se si effettua il parallelismo con Facebook, variazioni di questo metodo permettono di registrare la frequenza delle interazioni con i nostri contatti, per esempio per farli apparire in cima alla lista in una ricerca su Facebook, spiega ZDNet.

Informazioni personali ( U.S. Patent No. 7,269,590)
Il brevetto riguarda il modo in cui le informazioni di un utente di un social network sono visualizzate. In questo caso si parla di criteri definiti dall’utente stesso, basati per esempio sul tipo di lavoro, hobby o sull’appartenenza a un gruppo. Un sistema del genere permette a Facebook di fotografare le caratteristiche dei propri utenti.

Relazioni e interazioni social ( U.S. Patent No. 7,599,935  )
Il brevetto in questione, invece, riguarda il metodo con cui un utente riesce a visualizzare le informazioni di un secondo utente del social network in base ai livelli di autorizzazione settati. In pratica permette a due utenti di interagire tra loro in base alla relazione che li lega.

Condivisione di gusti comuni ( U.S. Patent No.7,454,509)
Il brevetto depositato da Yahoo! riguarda un “metodo per intrattenere gli individui in base ai gusti simili di una comunità”. Questo significa, per esempio, la possibilità per una pagina Facebook di un gruppo musicale di raggruppare diversi utenti e di interagirci.

Personalizzare la propria pagina ( U.S. Patent No.5,983,227)
Yahoo! rivendica anche il brevetto che permette ai propri utenti di avere accesso a “un generatore dinamico di pagina”, ovvero un sistema per personalizzare le notizie di interesse sulla propria pagina, come quelle di finanza o di sport. Ma anche foto, gusti musicali e quant’altro. Un po’ come fa la Timeline in Facebook, secondo ZDNet.

Trasmissione di contenuti ( U.S. Patent No.7,747,468)
Il brevetto regolamenta il modo in cui i contenuti forniti da una sistema che li trasmette via Internet arrivano agli utenti. In pratica riguarda le fondamenta di Facebook, ossia la possibilità che questo offre per rimanere in contatto con amici, interessi o eventi inviandosi messaggi.

Messaggistica istantanea ( U.S. Patent No.7,406,501)
L’ultimo brevetto contestato da Yahoo! a Facebook riguarda invece il metodo di messaggistica istantanea basato su un protocollo email, che permette ai due sistemi di fondersi insieme, convertendosi l’uno nell’altro.

 

Fonte: Wired.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: