Stop coming to my house

Gli occhiali di Google per la realtà aumentata

In Google on 14 marzo 2012 at 17:00
I Google Goggles, gli occhiali da sole di Mountain View in grado di materializzare Internet e realtà aumentata davanti ai nostri occhi, arriveranno nel corso del 2012. Lo ha anticipato giorni fa il New York Times, sollevando alcune problematiche circa l’utilizzo dello strumento. In primis, la privacy, che Google dal primo marzo ha unificato per tutti i propri servizi. Perché uno degli utilizzi ipotizzabili degli occhiali cibernetici potrebbe essere quello di riconoscere il viso delle persone inquadrate e visualizzare a fianco di questo i dati pubblici condivisi su Google Plus o altri social network, come la biografia di Twitter.




Oggi esistono già diverse applicazioni negli store di Apple e Google in grado di proiettare realtà aumentata nello spazio inquadrato dallo smartphone, come per esempio Easyarrow che disegna oggetti nel mondo reale o Wikitude che recupere da Wikipedia e social network informazioni legate al posto dove ci troviamo e le proietta nello spazio inquadrato. E Google utilizza già questa una tecnologia simile con l’applicazione per Android che si chiama proprio Google Goggles e che è in grado di visualizzare informazioni sugli oggetti fotografati. Inoltre Mountain View ha introdotto recentemente ilriconoscimento facciale su Google Plus.

Gli occhiali di Google saranno dotati di Android e potranno essere comandati tramite un cursore legato al movimento della testa oppure tramite i comandi vocali già integrati nel sistema operativo. Così come sfrutteranno la funzione di geolocalizzazione tramite gps e wireless, gestendo quindi altri delicati dati come la presenza di ignari individui in determinati posti.

Il New York Times ha appreso da persone che li hanno provati che i Google Goggles sono in grado di visualizzare informazioni, intrattenimento e pubblicità sulle lenti degli occhiali, geolocalizzando i dati.Bostinno.com ricorda che Google ha già uno strumento che proietta informazioni sulla realtà:StreetView infatti crea un livello di realtà aumentata sopra a quello reale, pur restando confinato all’interno del computer o dello smartphone. Il Daily Mail ha provato a ipotizzare un mockup degli occhiali da sole di Google dando un’idea di quello di cui stiamo parlando: passando di fianco a un negozio ci potrebbe essere segnalato che all’interno è in corso una vendita promozionale.


Dunque, la questione non è solo legata alla privacy, ma anche più direttamente al mercato: può Google inserire banner pubblicitari su un livello di realtà virtuale negli stessi spazi già magari occupati da altri inserzionisti nella realtà, di fatto sovrapponendosi a questi?

Intanto si cominciano a fare ipotesi sul prezzo, che secondo i rumor dovrebbe oscillare fra i 250 e i 600 dollari.

Fonte: Wired.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: